Le Recensioni della Domenica, episodio V

Le Recensioni della Domenica, episodio V
Condividi su :

Domenica, tempo di resoconti e recensioni!

La settimana appena trascorsa è stata segnata da artisti emergenti, ad iniziare da Ganoona, con il quale abbiamo parlato di arte e soprattutto di bad vibes e Filippo d’Erasmo, molto più semplice ma decisamente diretto ed efficace! Da non perdere anche la playlist di lunedì : 6 brani rap che ti faranno sentire vecchio!

Ma procediamo e andiamo ad analizzare i due brani di oggi!


Ingannno – Ma Tu No

Ma Tu No è una canzone presente nell’ultimo mixtape di Ingannno, rapper che abbiamo intervistato qua.

Quanto mi piacerebbe poter parlare di tutte le canzoni di questo progetto! Ma come al solito di domenica analizziamo una canzone particolare, per cui oggi dovrò limitarmi ad una sola traccia.

La traccia è a dir poco profonda e toccante, con una sonorità particolare e molto tranquilla(a proposito, i miei complimenti a Zane98, produttore del brano).

Nella prima strofa si legge una sorta di disperazione nelle parole del rapper, tra il piangere anche se si è forti, il voler rimanere bambino per non soffrire più e non essere usato per interessi altrui. Essendo di natura molto diretto, arriva chiaro il messaggio.

Per stare calmo dammi un motivo più valido.

Ma un motivo non c’è, no

Lacrime sulle guance

Anche il più forte piange

Anche se non mi piace

Ingannno, prima strofa di Ma Tu No

Nella seconda strofa, che mantiene comunque le tracce della prima, si nota una sorta di pensiero sul non cedere alle critiche e alle intemperie, e quindi cerca di autoconvincere se stesso di essere bravo in ciò che fa. Davvero tanto toccante a mio parere.

E sono ancora qui. Ne parlo ancora sopra un beat.

Più di dieci anni dopo. A quindici anni il fuoco.

Immagina Brividi e vertigini ai margini di ogni pagina,

Metterci tutto fino a perdere la propria anima

Ingannno, seconda strofa
ingannno

Ma quanto me la sono ascoltata questa canzone, non vi immaginate neanche! Credo fortemente che questa traccia sia stata una sorta di autoterapia per Ingannno, liberandosi di vari pensieri.

Voto più alto che ho dato finora e pienamente meritato:

Voto: 10-


Sia – Together

Ok, lo ammetto, non sono un grandissimo fan di Sia, ma era da molto tempo che non faceva parlare di sé. Sarà riuscita a soddisfare le aspettative del pubblico?

Together è il primo singolo estratto dal prossimo album in studio della cantante, Music, oltre che colonna sonora dell’omonimo film diretto da lei!

Se il film, che parla di una ragazza uscita dalla brutta piaga dell’alcolismo, che si ritrova come unica tutrice della sorella autistica, prometta molto molto bene, sul brano avrei qualcosa da dire…

Sia

Il brano è fatto molto bene, come del resto ci si può aspettare da un’ artista internazionale come Sia, il testo è anche carino, molto allegro e di questi tempi c’è bisogno di qualcuno che ci tiri su un po’!

Oh, you can’t love me unless you love you too
Treat yourself like nothin’ but a fool
Can’t love me unless you love you too
Love you too

Sia – Together

Però, chiaramente secondo il mio umile parere, il brano è molto monotono. Manca la melodia che ti resta in testa, manca un giro di basso che sappia catturarti, manca una minima “esplosione” nel ritornello. È in pieno stile Sia, ma non è assolutamente paragonabile ai suoi brani precedenti come Cheap thrills, Elastic earth, The Greathest oppure addirittura Chandelier.

Mi dispiace, ma oggi il voto è bassino…

Voto : 7


Ed anche per questa Domenica abbiamo finito!

Vi ringraziamo per la consueta lettura e vi diamo appuntamento a domani, con una nuova playlist!

Condividi su :

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top