5 canzoni geniali dei Pinguini Tattici Nucleari

Condividi su :

Li conosciamo tutti, chi da Sanremo o chi (come me) addirittura dal primo album. I Pinguini Tattici Nucleari sono una delle band più promettenti del panorama italiano sia per lo stile, sia per i testi geniali e mai scontati.

Oggi, da grande fan di questo incredibile gruppo, voglio racchiudere le migliori citazioni, prese dai brani più geniali del gruppo, spiegandole per far comprendere ancora di più il loro significato nascosto!

Lake Washington Boulevard

Lake Washington Boulevard è la via che ha dato i natali a Kurt Cobain ed gli artisti bergamaschi hanno voluto omaggiarlo con questo brano.
La citazione la si estrapola tra la seconda strofa ed il ritornello:

Un giorno lui le chiese: “Chiara, vuoi sposarmi?”
(…)
Lei ci pensò davvero un minuto o due, poi disse:
“No, usciamo a prenderci un gelato”.

Amore mio, da dove vengo io, un bacio ed un addio sono la stessa cosa

Ora. Che senso ha rifiutare una proposta di matrimonio proponendo un’uscita per un gelato? (Anche se ad un gelatino non si dice mai di no)

Beh, in questo caso, il “bacio” a cui si fa riferimento nel ritornello non indica l’atto d’amore, bensì indica il gusto del gelato! (buonissimo il bacio, consigliatissimo con la nocciola, oltretutto)

Ed allora cambia totalmente il senso! Perchè ora capiamo che il gelato quasi senza senso proposto da Chiara (alias Courtney Love) è in realtà un addio!
Ed infatti, il frontman dei Nirvana si è suicidato proprio in seguito ad una delusione amorosa. Ed i Pinguini ne fanno riferimento nel brano

Si sentirà uno sparo in lontananza, poi un rumore di ambulanza e io non ci sarò più

Monopoli

Tralasciando l’assolo da pelle d’oca ed il testo ricchissimo di metafore, sono rimasto affascinato da un verso in assoluto.

50 occhiali da Sole, ma solo uno spazzolino
Occhi diversi tutte le sere, ma sempre il solito vecchio sorriso

Significato facilmente riconoscibile, ma probabilmente non al primo ascolto.

Ebbene sì, gli occhi ed il sorriso sono strettamente legati alla frase detta prima, dato che gli occhi cambiano ogni sera per via degli occhiali diversi, però il sorriso è sempre quello!


Sempre in Monopoli troviamo un altra metafora molto molto bella:

Io sono nato a Monopoli e tu invece a Shangai.
Se giochi con me perdi tutto, se gioco con te crollerai

La strategia della tenzone

Uno dei miei brani preferiti in assoluto dei PTN parla di come l’amore secondo la concezione umana sia un mondo dal quale il protagonista vuole staccarsi.

Pensava avrei voluto nascere armadillo
O in alternativa coccodrillo
Lontano dall’amore nell’umana concezione
Lontano dalla strategia della tenzone
Per conquistare il mio accoppiamento
Sarebbe bastato un combattimento
E invece no
Che sfortuna però

Questa la strofa cardine del brano, dove viene mostrato come in natura “basta” essere il più forte per poter accoppiarsi, mentre per l’uomo, diciamo, è un filino diverso

E sì, sto proprio parlando con voi palestrati! Anche se siete più forti di me non per forza siete più fortunati in amore! (anche se sono single ;))


L’esordio del brano è altrettanto degno di nota.

Simile allo stile dell’Hallelujah di cui ho parlato qualche settimana fa, i Pinguini parlano di accordi maggiori e diminuiti (suonandoli anche), evidenziando il “mood” che trasmettono:

Come una accordo di settima maggiore lei arrivò nella sua vita quasi come per errore
Ambigua, diversa ed appetizia come una Goleador al gusto liquirizia

(…)

Come un accordo di diminuita, lui si voleva togliere la vita

Gigi cinque ottavi

Gigi cinque ottavi era una persona un po’ strana, che gradiva solo il tempo in cinque ottavi.

Per i profani, cinque ottavi vuol dire dividere ogni battuta nel brano in otto parti e farci stare dentro cinque battiti. Nella musica pop molto spesso ci sono quattro quarti, quattro battiti in quattro divisioni, quindi molto cadenzati e semplici, mentre qui inserire 5 battiti in 8 misure è molto difficile!

Oltre alle evidenti difficoltà musicali, il brano è meraviglioso!
Parla delle vicissitudini di Gigi, un ragazzo dai gusti molto discutibili.

La strofa di cui parleremo è l’ultima:

Ma poi un giorno eccola là seduta nella tundra urbana
Antonia “Sette sedicesimi”
I due si conobbero e subito fu colpo di fulmine
E se ti capita di vederli in giro vai là,
Piano piano mi raccomando, e chiedi loro
Che cos’è veramente l’amore per voi?
E ti diranno
Cosa sia non lo sappiamo
Ma è sicuramente in diciassette sedicesimi

Questo fa capire che amore è condivisione, amore è un unione di due individui. Gigi 5/8 che si unisce ad Antonia 7/16 nel creare un amore in 17/16, somma dei due tempi.
Due “io” che sommati creano un “noi”!

E poi, diciamocelo, dopo tutta la sfiga di Gigi è bello vedere un lieto fine nella sua vita 🙂

Sciare

Sono di Bergamo. Essere andati almeno una volta a sciare è quasi un obbligo per noi orobici. Anche Riccardo Zanotti andava a sciare, ma era un po’ una mezza sega, diciamo.

Da bambino andavo a sciare
Ma a dire il vero, a sciar facevo schifo
La montagna non è madre, a quelli come me non riserva premure
E va da sè che scivolavo e cadevo pure!

Ma dopo un paio di ascolti si intuisce un significato nascosto.

Riccardo Zanotti
Riccardo Zanotti a Sanremo

Sciare non indica infatti solo lo sport, ma indica anche l’amore verso una ragazza, ed ipotizzo che le scivolate e le cadute siano proprio gli alti e bassi in amore, durante una storia non proprio delle migliori…

Il top lo raggiungiamo alla fine del brano, dove lo sci viene sempre descritto come uno sport che non amava troppo e per il quale non era troppo portato:

Dicono: “il mare è pieno di pesci”, dicon: “Che cosa vuoi che sia?” (…) “Vedi, non manca certo la compagnia”.

Dicono :”Il mare è pieno di pesci” e lui risponde: “Sì, ma al mare non si scia!”

E cosa vuol dire questo?

Vuol dire che in amore di certo ci sono tante persone che puoi conoscere e delle quali ti puoi innamorare, come il mare
Ma solo con una puoi davvero sciare, e puoi davvero amare!


Ed anche per oggi abbiamo finito, ed io sono molto molto felice di aver parlato un po’ dei Pinguini Tattici Nucleari, una delle mie band preferite.

Io ti ringrazio per la consueta lettura, ti consiglio di leggere qualche altra playlist oppure altri articoli che trovi qui a destra (su PC)

Grazie ancora, ci vediamo martedì con un nuovo articolo!

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.