Canova, vivi per sempre!

Canova, vivi per sempre!
Condividi su :

Ero sul tram, stavo tornando a casa dopo una giornata leggermente caldissima, quando, scrollando Instagram, trovo un paio di storie con brani dei Canova e faccine tristi.
Abbastanza incuriosito faccio un salto nel loro profilo per capire cosa stesse succedendo. Ed ecco la notizia.

Visualizza questo post su Instagram

ciao amici, sarà per tutti un brutto colpo ma abbiamo deciso di fermare qui i canova è stata una bellissima storia d’amore siamo cresciuti insieme passando anni meravigliosi, dai garage ai grandi palchi, dal nulla a tutto ed è stato perfetto così con tutto l’amore che ci avete dato in questi anni è doveroso farvi sapere che un motivo vero e proprio non c’è: ci vogliamo tanto bene, saremo fratelli per sempre, ma adesso c’è bisogno di un cambiamento nelle nostre vite è paradossale, ma sembra di leggere una delle biografie delle band che abbiamo sempre amato: c’è un momento di inizio e un momento di fine, che arriva quando non ci avresti mai pensato come sapete, sarebbe dovuto uscire un disco con un tour nuovo che sarebbe stato rimandato a chissà quando per problemi di restrizioni che ormai ben conoscete ci dispiace tanto, ma a partire dal 2 agosto tutte le informazioni relative a rimborsi o voucher sui biglietti saranno disponibili sui siti di magellano e @ticketone.it come saluto finale, dopo l’estate, uscirà un piccolo vinile speciale con gli ultimi 4 brani pubblicati quest’anno grazie per avere amato le canzoni, per essere entrati dentro le storie che hanno scandito la nostra vita grazie per aver dato una chance a una band che, anche per merito vostro, è arrivata dove non avrebbe mai pensato di arrivare Un grazie speciale a @antoniognosarubbi e a @macistedischi per aver combattuto per noi Grazie @claferrante e a tutta @artistfirst.it @sonyatvitaly , @ma9promotion , @vale_nf , @orbita_____ e a tutti i giornalisti che si sono interessati a noi Grazie a @magellano_concerti , @panicoconcerti e a tutti i promoter per aver organizzato tour indimenticabili grazie ai produttori, @bendodneb, registi, fotografi e ai tecnici con cui abbiamo collaborato grazie a tutti gli artisti con cui abbiamo condiviso palchi, notti e vita adesso è il momento di lasciare il presente e lanciarsi nel futuro, sappiamo già che continuerete comunque ad amare la nostra musica non siate tristi, con immenso amore i canova ❤

Un post condiviso da C A N O V A (@canova) in data:

Inutile dire quanto ci sia rimasto male, ma una band così merita un articolo a sé.

Oggi, in omaggio ad una delle mia band preferite, ecco la loro storia, tra brani, ricordi e lo scioglimento.

Gli inizi

I Canova nascono ufficialmente nel 2013, dopo che il batterista Gabriele Prina si aggiunge a Matteo Mobrici, Fabio Brando e Federico Laidlaw, che già suonavano insieme dal 2008. Il nome Canova nasce proprio dall’artista neoclassico italiano.

E subito ecco Expo! Pubblicato sotto Sacropòp Records e nominato da MTV New Generation nella categoria Just discovered. Ad oggi Expo supera i 2.000.000 di ascolti su Spotify

I Canova cavalcano la cresta dell’onda, tentando la qualificazione a Sanremo Giovani con Io, te e Lucia fallendo. Purtroppo (e anche stranamente. Dai, è bellissima.)

Avete ragione tutti

La copertina di Avete ragione tutti

Il vero successo arriva con il primo disco: Avete ragione tutti, prodotto dalla Maciste Dischi (che produrranno anche Gazzelle, Galeffi, Fulminacci ed altri artisti famosi nel panorama italiano).

Il disco è un successone, tanto che il singolo estratto, Vita Sociale, riceve addirittura il Disco D’oro.

Vita Sociale

Vita Sociale è forse il brano con il quale ho conosciuto il gruppo. Probabilmente non il più allegro dell’ album, anzi, ma di certo al di sopra di molti altri, dato che qui la critica arriva contro la società, non contro il protagonista del brano.

Il brano parla di come la vita non ci regali nulla, ma anche noi a volte non ci “sbattiamo”, siamo pigri.

Vorrei morire, anche se fuori c’è il Sole

Canova – Vita Sociale

Manzarek

Altro singolo estratto e passato al vaglio della critica come un brano tra i più belli dell’album. Ray Manzarek era il tastierista dei Doors, rock band citata spesso nel brano.

Un brano a dir poso stupendo. Parla di un amore finito, di come si supera e di come sia dura, triste e tutto parla di lei.

Se c’è una cosa che odio di più
È che non posso vederti tutti i giorni
E c’è una cosa che odio di più
È che non posso vederti quando ti spogli con
Una maglietta dei Doors

Canova – Manzarek

Vivi per sempre

La copertina di Vivi per sempre

Sì, il titolo dell’articolo non è proprio messo a caso. Vivi per sempre è il titolo del secondo album della band.

Generalmente parlando, riscuote meno successo rispetto alla prima pubblicazione, ma si possono comunque estrarre ottimi brani, frutto anche di una “maturazione musicale” della band.

Però, dopo tutto, NViM non è un sito nato per esaltare gli artisti. Sinceramente parlando non ho amato alla follia questo disco, a differenza del primo, ma il mio brano preferito è senza dubbio…

Per te

Un pezzo che porta con sé tantissime emozioni e tantissimi ricordi.

L’argomento centrale è un consiglio, un augurio, quello di di vivere una vita “senza timidezza”. Il messaggio potrebbe essere rivolto ad una amata, dato che il ritornello è di una dolcezza fuori di testa.

Dimmi come si fa a guardarti negli occhi
Senza che siano assenti ma così non è
Dimmi come si fa a guardarti negli occhi
Senza arrendersi

Canova, Per te

Tempo di addii

No purtroppo questo non è il titolo di un disco…

Il 16 settembre 2019, il bassista Federico Laidlaw abbandona il progetto in comune accordo con la band. Nonostante questo escono ancora un paio di singoli che preannunciano il nuovo disco.

Purtroppo però il disco non ci sarà mai. E anche il tour non ci sarà mai.

Il 27 luglio 2020 (due giorni fa) hanno appunto annunciato lo scioglimento definitivo.


Che dire allora?

Lo so, cari fan dei Canova, ho saltato tanti brani molto molto belli, ma non preoccupatevi, li trovate tutti in questa playlist!

Canova, siete stati colonna sonora di due estati (da parte mia). Vi cantavo a squarciagola e continuerò a farlo. È stato bello finchè è durato. I brani rimangono e in qualche modo rimarrete nel cuore dei vostri ascoltatori.

Grazie per aver letto anche questo articolo, ci vediamo venerdì con una nuova intervista!

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto